Allarme terrorismo per Capodanno. In Europa capitali blindate

Spread the love

per blogA Bruxelles vietati i fuochi d’artificio, a Parigi schierati 11mila militari, chiusa ai festeggiamenti la piazza Rossa a Mosca. Sarà un Capodanno “blindato” quello che l’Europa si prepara a festeggiare. Un’allerta che arriva anche oltreoceano dopo che la Cnn ha rivelato l’esistenza di minacce di attacchi jihadisti nelle città di New York, Los Angeles e Washington. Intanto a Bruxelles un giovane di 22 anni è stato incriminato per gli attentati di Parigi, è il decimo arresto legato alle stragi

Europa. Città blindate, sicurezza rafforzata, festeggiamenti limitati o annullati. Le capitali del Vecchio Continente si preparano a festeggiare il nuovo anno, ma resta la paura per gli attentati. Vietati a Bruxelles i tradizionali fuochi d’artificio e i festeggiamenti in place de Brouckère, nel centro della città. Limitazioni anche a Londra, Parigi, Berlino e Mosca. 11.000 membri della sicurezza, polizia, militari, vigili del fuoco, dispiegati nella capitale francese e nella sua immediata periferia. Festeggiamenti sorvegliati anche a New York, Washington e Los Angeles.

Bruxelles. Una decima persona è stata incriminata per gli attentati di Parigi. Si tratta di un giovane belga di 22 anni. Una decina di cellulari trovati durante la perquisizione nella abitazione in cui è stato arrestato il presunto terrorista sono attualmente sotto esame della polizia. La casa era stata perquisita già tre giorni dopo le stragi del 13 novembre nel corso dell’operazione nel cuore di Molenbeek. Non sono stati trovati esplosivi.La notizia dell’arresto arriva all’indomani della notizia che uno dei protagonisti degli attentati del 13 novembre a Parigi quella sera era rimasto in Belgio e coordinava le operazioni attraverso due telefoni cellulari.

Russia. Lo Stato islamico ha rivendicato l’attacco di due giorni fa nella zona turistica in Daghestan, in cui è stata uccisa una guardia di frontiera e altre dieci persone sono rimaste ferite. In un comunicato pubblicato sul social network jihadista, firmato dalla cosiddetta Provincia del Caucaso dell’autoproclamato califfato dell’Isis, gli estremisti hanno affermato che gli obiettivi erano membri dei servizi segreti russi.

Siria. 13 persone sono rimaste uccise in tre esplosioni nella città di Kamishli nel nord-est della Siria al confine con la Turchia. Due attentatori suicidi si sono fatti saltare in aria nella città curda di Qamishlo, uccidendo almeno 17 persone e ferendone oltre trenta

Belgio. Nei giorni di massima allerta terrorismo, alla fine di novembre, in una stazione di polizia a nord di Molenbeek ci sarebbe stata un’orgia a cui avrebbero partecipato due poliziotte e soldati. La polizia belga ha aperto un’inchiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *