La tregua è in vigore. Tutto dipende da quanto le parti la rispetteranno

damascotreguaDalla mezzanotte è iniziata una nuova tappa nel conflitto siriano e, probabilmente, nel futuro di tutto il Medio Oriente. La tregua negoziata da Russia e Stati Uniti è entrata in vigore e adesso tutto dipende da quanto sarà rispettata da tutte le parti. Per il momento tutto procede come pianificato. L’accordo ha adesso anche l’appoggio unanime dei 15 membri del Consiglio di Sicurezza che hanno votato una risoluzione di sostegno al cessate il fuco, in cui viene anche chiesta la ripresa dei colloqui di pace “il più presto possibile”. L’inviato Onu Staffan de Mistura ha risposto subito facendo sapere che intende convocare la ripresa dei colloqui di pace per il 7 marzo “se la tregua tiene”. Ovvio che in questo momento delicato non mancheranno i tentativi di minare il processo di pace, anche se tutto porta a pensare che questa volta si faccia sul serio. Quest’accordo “storico” tra le due potenze potrebbe essere solo l’inizio di un’evoluzione nei rapporti tra la Russia e gli Stati Uniti che può definire una nuova mappa del Medio Oriente

Continua a leggere